t33 t33

Cooperazione Territoriale Europea: t33 in prima linea nella valutazione di programmi Interreg transfrontalieri


Scritto da Nicola Brignani
Pubblicazione 28 August 2018

Negli ultimi anni, t33 ha continuato ad accrescere le proprie competenze ed il proprio impegno nella valutazione di programmi di cooperazione territoriale europea (CTE), in particolare nel settore della cooperazione transfrontaliera (Interreg V-A).
Sono attualmente in corso cinque valutazioni in itinere di programmi di cooperazione transfrontaliera - Interreg V-A (2Seas, Francia (Manica) Inghilterra, Italia-Austria, Irlanda-Irlanda del Nord-Scozia occidentale, Italia-Francia Marittimo), guidate dai soci senior Nicola Brignani, François Levarlet e Andrea Gramillano:

  • la valutazione dell'implementazione di Interreg 2Seas (2Mari) continua a valutare l'efficacia e l'efficienza del programma, costituendo così anche il punto di partenza per una futura valutazione d'impatto;

  • in Interreg France (Manica) Inghilterra, la valutazione è composta da tre rami: insieme all'implementazione e all'impatto, il team sta anche valutando il potenziale di cooperazione tra Francia e Regno Unito dopo l’uscita del Regno Unito dall'UE;

  • in un'altra area critica dell'UE, la valutazione d'impatto di Interreg Irlanda-Irlanda del Nord-Scozia occidentale (guidata dall'Organismo Speciale Programmi UE - SEUPB) ha iniziato a valutare l'impatto del programma sull'asse prioritario relativo all’assistenza socio-sanitaria;

  • infine, sono appena state avviate due nuove valutazioni transfrontaliere: Interreg Italia-Austria e Interreg Italia-Francia Marittimo. Entrambe si concentreranno sull'efficacia, l'efficienza e l'impatto dei programmi.

 
Nel contesto transfrontaliero occorre inoltre ricordare la valutazione ex post dello strumento europeo di vicinato e partenariato (ENPI) 2007-2013: in collaborazione con GDSI Ltd., t33 ha contribuito alla valutazione di 13 programmi transfrontalieri con paesi non-UE appartenenti al vicinato orientale e meridionale. Il rapporto di valutazione è stato pubblicato nel gennaio 2018.






 




CONTENUTI CORRELATI